Prepárate para marcar goles con Google en el Mundial (parte 3 de 5)

Te damos la bienvenida a la tercera parte de nuestra serie del Mundial. Hoy nos centraremos en hacer tu contenido viral con ayuda de los medios sociales.

El Mundial de 2014 de Brasil no es solo fútbol. También se trata de interacciones a través de los medios sociales. Con motivo de este evento, millones de personas interactúan y comparten contenido en múltiples canales sociales, lo cual es una oportunidad para que tu contenido se convierta en viral. Los editores deberían tener esto en mente y adaptar su cobertura editorial en torno al Mundial para lograr que corra la voz. Podrían incluirse, por ejemplo, discusiones sobre los jugadores mejor clasificados o los mejores momentos del partido. Actualmente, el 73%* de los adultos en Internet utilizan algún tipo de red social. Es fundamental que el contenido de tu sitio se pueda compartir fácilmente y que tengas en marcha una estrategia para la interacción de los usuarios y la distribución de contenido a través de los canales de los medios sociales.

A los usuarios no solo les gusta leer las últimas noticias del Mundial; también quieren compartir contenido interesante, agregar sus comentarios e interactuar con otros usuarios. Además, el deporte es un tema principal en muchas plataformas de medios sociales. Los aficionados al deporte son los fans más implicados y apasionados en los medios sociales. Para implicar aún más a la audiencia, experimenta con el Inicio de sesión con Google+ y otras funciones de Google+ que te ayudarán a crear contenido viral.

Si piensas crear contenidos específicos para el Mundial, no olvides diseñar una estrategia de contenido para los canales de los medios sociales. Utiliza estos canales para difundir tu contenido y formas de interacción. Por ejemplo, prueba los hashtags y asegúrate de que sean relevantes para la temporada y no solo para la promoción de tu sitio o negocio. El uso de hashtags bien establecidos puede ayudar a los usuarios a descubrir tu contenido más rápidamente y ayudarte a participar en las conversaciones que se estén llevando a cabo. Estos son unos ejemplos de los hashtags más utilizados en relación con el Mundial:

  • #mundial
  • #mundial2014
  • #fifa
  • #brasil
  • #fútbol
  • #brazil2014
  • #futbol
  • #brasil2014

El vídeo es otro canal mediante el que puedes crear y compartir contenido único en tu sitio. Cada mes se ven en YouTube más de seis millones de horas de vídeo.** Esto equivale a casi una hora por cada persona del mundo. Con tal cantidad de contenido que se está consumiendo, anímate a plantearte usar YouTube o Hangouts en directo de Google+ para distribuir contenido e implicar a los usuarios. Por ejemplo, podrías crear un clip diario de 90 segundos en el que que se destacaran los momentos mejores, los peores y los más divertidos de cada partido.

En nuestra cuarta entrada del blog de mañana hablaremos de tu estrategia para llegar a los usuarios a través de distintos dispositivos.

* Fuente: http://www.pewinternet.org/fact-sheets/social-networking-fact-sheet/
** Fuente: http://www.youtube.com/yt/press/statistics.html

Publicado por Chris Jones – Especialista en desarrollo de audiencia


Continua a leggere

Do We Count?

Daniel Miller is Professor of Anthropology at University College London.

This blog celebrates useful data on how people use new media or employing communications to support policy initiatives. But could research that is entirely qualitative contribute equally to these same goals? Our project, based at the Department of Anthropology, University College London and funded by the European Research Council, is aimed at exactly these goals.

But we don’t count things—so do we count? Our team consists of anthropologists. We have just begun eight simultaneous ethnographies, each of which will last 17 months. Two of our sites are in China, and we have one each in Brazil, India, Italy, Trinidad, Turkey and the UK. Every researcher, or participant, has taken up residence in a small town within that country. They will examine many forms of social media such as QQ, Google+ WhatApp and Facebook in contexts that range from religion and politics to parent-child relations. We will share certain foci across all regions, such as use by the elderly and impoverished, issues of privacy, diasporas, and the memorialisation of the dead. Each participant also has his or her own topic: One is looking at the world’s largest migration—rural workers to factory sites in China. Another is exploring how social media connects family and work in India, and a third participant is focused on the new middle class in Brazil.

The reason we don’t count things is that instead we hope to use ethnography—that is, living among people to gain unparalleled depth via countless stories and openness to entirely unexpected uses. It’s the sense of humanity and the poignancy of aspiration and frustration that means most to us. Much of the work is academic but we also want to create innovative forms of popular dissemination in local languages with strong visual elements. For example, my own volume, Tales from Facebook (Polity 2011), uses genres from short story writing to show the impact of social media on the lives of individuals.

At the same time, we feel such research can be just as valuable for practical and policy purposes. We were asked by a leading hospice near London to consider how they could improve their services to terminal cancer patients. Most of the hospice work is with people still living in their own homes so communications are a core issue. After a six-month investigation of both patients and staff we were able to identify many opportunities as well as bottlenecks. For example, we discovered that concerns about confidence had become a barrier to the exchange of medical information. The report and its twelve recommendations can be found here.

In the future we will look at other applied projects such as diabetes and e-education. Our project’s blog is here, where you can see each of the contributors discussing their projects.


Continua a leggere

Refresca tus conocimientos sobre las políticas del programa AdSense

Para ayudarte a entender mejor nuestras políticas, vamos a realizar una serie de Hangouts en directo durante las próximas semanas. Durante estos Hangouts, hablaremos de las preguntas que nuestros editores nos hacen acerca de las políticas del programa y te daremos una serie de consejos para asegurarte de que no las incumplas.

En estos Hangouts trataremos los siguientes temas:

  • Las políticas generales del programa AdSense
  • Cómo hacer que tu sitio web sea apto para menores
  • Cómo colocar tus bloques de anuncios sin infringir nuestras políticas
Visita nuestro Centro de Asistencia para ver cuándo tendrán lugar los Hangouts en directo en español y visita nuestro blog de forma regular durante las próximas semanas para apredender más acerca de nuestras políticas.

Publicado por Pamela Malone, especialista en políticas de AdSense


Continua a leggere

The Legal Landscape of Involuntary Porn

Erica Johnstone is a co-founder of the privacy nonprofit, Without My Consent, and a partner with Ridder, Costa & Johnstone LLP.

Imagine there are naked photos of you online that appear on the first page of search results when someone searches for your name. The images are linked to your true name, place of business, and home address. Worse still, every hate-filled troll has piled on to harass and stalk you. The comments leave you terrified for your and your family’s personal safety. Is the perpetrator’s conduct legal? Generally speaking, no. “Involuntary porn”, also called “revenge porn,” is the creation, publication, or dissemination of a person’s private intimate image without that person’s consent and for no legitimate public concern. It is legally actionable in almost every situation. Is there a path to justice? It’s complicated.

Your first question might be: how do the images get online? The most common scenarios are nightmare exes, hackers, and peeping Toms.

And then you might wonder, how many people are actually victims of involuntary porn? We need better data and more of it data to provide a satisfactory answer. Concrete examples like those cited above are sometimes criticized for being “one-off” events. But the truth is that everyone who engages in online activities knows the harassment, stalking, and trolling happen with alarming frequency, and abuse often involves the publication or threat of publication of private intimate images.

According to a recent McAfee study, “Love, Relationships, and Technology: When Private Data Gets Stuck in the Middle of a Breakup,” 10% of ex-partners have threatened to expose risqué photos of their exes online, and those threats were carried out almost 60 percent of the time. 36% of Americans plan to send sexy or romantic photos to their partners via email, text and social media on Valentine’s Day. But those people are not the only victims of involuntary porn. Hackers and peeping Toms have a way of finding photos and posting online as well. For instance on January 29, 2013, the FBI arrested one man whom investigators estimate is responsible for terrorizing more than 350 women.

What is being done about the problem?

  • There is a lawsuit pending against the revenge porn site Texxxan.com seeking actual and punitive damages and injunctive relief for invasion of privacy, negligence, wrongful appropriation of names of likenesses, intentional infliction of emotional distress and civil conspiracy, on the basis that section 230 of the Communications Decency Act does not immunize websites that are themselves responsible, in whole or in part, for the creation or development of unlawful content.
  • There is anticipated copyright litigation against the revenge porn site IsAnybodyDown.com, on the basis that even if the website is immunized against some claims by Section 230, the website may be vulnerable to intellectual property–related claims such as those arising under copyright law.
  • University of Miami Law Professor Mary Anne Franks is working on a proposed law to criminalize the misconduct at the federal level (which would not be immunized by section 230). She outlines her proposal here.
  • Without My Consent (a non-profit I co-founded) is working to publish and keep updated an informational website, WithoutMyConsent.org, that includes legal and practical information for victims of involuntary porn and the attorneys who advocate on their behalf. WMC is currently undertaking a 50-State survey to compile a comprehensive overview of the possible civil claims that a victim of such conduct might explore, and the potential criminal consequences of the unlawful conduct, in each jurisdiction.

Here are some simple concrete steps everyone can take to stop involuntary porn.

  • Speak out about the fact that privacy is worth protecting.
  • Enact a criminal invasion of privacy statute in every state that doesn’t already have one. New Jersey has a noteworthy Invasion of Privacy statute, N.J.S.A. 2C:14-9y int, which prohibits both recording and disclosing a private image of another person without consent. If your state does not already have a criminal invasion of privacy law on the books, you may petition your state lawmakers to pass a law modeled after N.J.S.A. 2C:14-9 in your state.
  • If the prosecution of technology-related crimes is an issue that matters to you, contact your state’s Attorney General and let him/her know that the residents of your state believe privacy matters. Begin a dialogue in your state. There is already a model in place, developed by the state of California. In 2011, the California DOJ created an eCrime Unit that: (1) trains police and prosecutors in light of new technologies; and (2) prosecutes criminal online invasions of privacy, among other crimes.
  • Sign up for Without My Consent’s Weekly Roundup, featuring articles, posts, interviews and more for those interested in the news most relevant to our advocacy.
  • You may support Without My Consent and its education efforts such as the 50-State Project and the Weekly Roundup by making a donation today.


Continua a leggere

Social Media Recommendations for Public Transit Providers

Sarah M. Kaufman is a researcher and Assistant Adjunct Professor at NYU’s Rudin Center for Transportation Policy & Management.

Social media networks give transportation providers access to large numbers of people simultaneously and without a fee. The NYU Rudin Center’s new report, “How Social Media Moves New York, Part 2,” based on earlier findings (see “Twitter’s Importance to Transportation,” October 2012) recommends social media policies for transportation providers seeking to inform, engage, and motivate their customers.

The goals of social media in transportation are to inform (alert riders of a situation), motivate (to opt for an alternate route), and engage (amplify the message to their friends and neighbors). Marketing messages are also essential to inform riders about new services, and to be compelling enough to retain the follower base that will help amplify important information. Our study of tweets by transportation providers throughout the New York region during the summer of 2012 showed a wide disparity in proportions of service information, engagement and marketing posts between different agencies:

Appropriate timing of messages alters the ideal proportions, and can vastly enhance a transportation provider’s follower base—e.g., providing essential delay information during rush hour—or turn customers off entirely—e.g., over-posting marketing messages during rush hour. Based on the research in this report, the following chart shows recommended proportions of social media posts:

More generally, to communicate effectively using social media, transportation providers’ online presence must be:

  • Accessible: Easily discovered through multiple channels and targeted information campaigns
  • Informative: Disseminating service information at rush hour and with longer-form discussions on blogs as needed
  • Engaging: Responding directly to customers, marketing new services, and building community
  • Responsive: Soliciting and internalizing feedback and self-evaluating in a continuous cycle

To the last point, a large portion of responsiveness is accountability. In our analysis, we found a major discrepancy in the use of “thanks” and “sorry” in the Twitter feeds of private transportation providers (specifically, American Airlines and JetBlue) versus public agencies. Specifically, the airlines apologized far more than public transportation providers for delays and cancellations: in the two months studied, American Airlines wrote “sorry” and its synonyms 3,949 times; PATH, 62 times; Metro-North, 39 times; NJ Transit, 25 times; and the others, three or fewer times. Similarly, while customer engagement dominated both airlines’ Twitter accounts (85% on average), demonstrating their need to be constantly responsive to and direct with customers, public transportation providers communicated less directly with their customers (34%). These patterns indicate a universal orientation toward customer service throughout the private companies, which must earn and maintain customer loyalty. However, public transportation providers, which often have a monopoly on customers, likely do not feel the same need to focus on them.

In contrast, the public transportation providers accepted ‘thanks’ at a greater rate than they issued apologies (on average 17.7 “thanks” versus 12.6 “sorry”). This pattern was most pronounced in NYC Transit’s feed, which posted 26 “thanks” and variants, but only 3 “sorry” and variants, and NJ Transit, which posted 73 thanks and 25 apologies. See the chart below for all Sorry/Thanks comparisons. This diversion may result from the typically thankless work of transit management, making compliments especially meaningful.

Instances of “Sorry” and “Thanks” in Tweets

Accountability, like accurate information and direct engagement, is essential in building trust between transportation agencies and their customers. While accessibility, information, engagement and responsiveness compose the four pillars of transportation and social media, the human facet is essential to the online presence, and displaying one requires a cultural shift from the pre-social media press releases and opaque, one-way information streams.


Continua a leggere

Social Fridays: Google+ si rivela la ricetta per il successo di Epicurious.com

Ogni venerdì pubblichiamo suggerimenti su Google+ per aiutare i publisher a sfruttare al meglio tutte le funzioni e le risorse disponibili. Visitateci ogni settimana per non perdere nemmeno un post della nostra serie Venerdì social.

Epicurious.com è un sito di proprietà di Condé Nast dove ogni giorno vengono pubblicati contenuti redatti dai suoi editor e dai più importanti esperti di gastronomia di tutto il mondo. Riunisce oltre 30.000 ricette create e testate da professionisti del settore, come famosi chef, importanti giornalisti gastronomici e rinomati autori di libri di cucina, e ad esse si aggiungono 200.000 ricette inviate dai membri del sito. Epicurious ha lanciato la sua pagina Google+ solo alla fine dello scorso anno e ha già raggiunto oltre 2 milioni di follower. Questo straordinario risultato è dovuto a una combinazione di fattori: installazione di utility di condivisione con i social network nel sito di Epicurious, sviluppo di contenuti su misura per l’interfaccia Google+ e per il suo pubblico e utilizzo delle funzioni specifiche che offre la piattaforma.

“Abbiamo iniziato a programmare la nostra crescita sulla base di esperienze simili avute su nuove reti”, spiega così i primi passi sulla piattaforma Jennifer Gaonach, Digital Consumer Marketing Director di Condé Nast. “Tuttavia, abbiamo superato di molto ogni nostra aspettativa di crescita. Siamo felici di constatare che si tratta del social network dove abbiamo più successo. Un progetto che è partito a razzo”.

In Epicurious.com sono presenti numerose funzioni dal design intelligente che consentono ai visitatori di condividere i contenuti e interagire con facilità con la pagina Google+. Nel sito è presente un sidekick di condivisione con i social network che si sposta lungo il margine sinistro in corrispondenza della maggior parte dei contenuti, mentre sopra alla barra degli annunci pubblicitari si trova il modulo “Connect with Epicurious” con l’indicazione dei social network. Questi ultimi compaiono anche nei modelli email di Epicurious.

Epicurious perfeziona continuamente la gestione dei contenuti per adattarsi al meglio ai follower di Google+. “Vogliamo capire fino in fondo come coinvolgere questi utenti e migliorare la loro esperienza, riportandoli su Epicurious.com al momento opportuno”, spiega Jennifer. “Con la crescita di pubblico, anche i nostri editor hanno incrementato la frequenza dei post. In questo modo chiunque ci segue è sempre aggiornato sugli articoli pubblicati”. Il team aggiunge solitamente da tre a cinque post al giorno e ha riscontrato che i contenuti visivi ottengono un notevole successo su Google+.

I rapporti sociali in Google Analytics mostrano che gli utenti che giungono a Epicurious da Google+ sono più coinvolti rispetto ai visitatori provenienti da altre piattaforme di social media. Google+ è tra i 10 principali referrer sociali che indirizzano utenti a Epicurious, inoltre la durata media della visita degli utenti provenienti da Google+ è maggiore del 12% rispetto a quella dei visitatori provenienti da altre piattaforme di social media. Si aggiunga anche che il numero di pagine visualizzate per visita da questi utenti è uno dei più alti di tutte le piattaforme.

Progetti futuri? Il team di Epicurious ha in programma di utilizzare gli hangout, una funzionalità per videoconferenze di altà qualità disponibile su Google+, che creerà un coinvolgimento ancora maggiore nei follower mediante corsi di cucina di gruppo e chat esclusive con gli chef.

Avete ancora appetito? Leggete l’intero case study su come Epicurious.com utilizza Google+ e, se volete, lasciate un commento nella +pagina di AdSense dedicata a questa storia.

Scritto da Arlene Lee – Team Inside AdSense


Continua a leggere

Social Fridays: grazie a Google+, il portale brasiliano di notizie Estadão integra le notizie con le discussioni


Ogni venerdì pubblichiamo suggerimenti su Google+ per aiutare i publisher a sfruttare al meglio tutte le funzioni e le risorse disponibili. Visitateci ogni settimana per non perdere nemmeno un post della nostra serie Venerdì social.

Mentre il mondo delle comunicazioni ha subito cambiamenti significativi dalla fondazione del quotidiano brasiliano O Estado de São Paulo nel 1875, è rimasto tuttavia immutato l’obiettivo principale del giornale, ovvero la condivisione di notizie, analisi e reportage di alto livello. Per fornire informazioni in tempo reale, l’autorevole quotidiano ha lanciato il portale Estadao.com.br nel marzo 2000. E, per mantenersi al passo con la crescente importanza assunta dai social media, Estadão ha lanciato la sua pagina +Estadão su Google+ nella seconda metà del 2011.

Secondo Claudia Belfort, Digital Content Director, una delle prime scoperte è stato rendersi conto che Google+ offriva un’opportunità leggermente diversa rispetto agli altri canali di social media, già utilizzati da Estadão. “Ho capito che i commenti su Google+ erano più elaborati. Chi ci segue è molto più interessato a contribuire ad una discussione, così abbiamo deciso di investire di più, sempre con questo obiettivo”.

Col passare del tempo, Estadão ha integrato Google+ nella sua strategia per i contenuti, grazie alla capacità unica della piattaforma di stimolare la conversazione e la discussione. Claudia ritiene che il pubblico di Estadão sia interessato ad una rete, che non sia solo sociale, ma che consenta anche lo scambio di conoscenze. Tenendo presente questo aspetto, il team pubblica contenuti particolarmente pertinenti per i follower su Google+, anziché replicare gli stessi contenuti in tutti i social media che utilizza Estadão. Hanno inoltre scoperto, che la rete risponde particolarmente bene a temi più seri, pertanto i post trattano di argomenti quali economia, politica e attualità, spesso con un tono informale.

Ma quello che Google+ fa per il giornale non è solo favorire lo scambio di idee attraverso la parola scritta. Estadão, infatti, sfrutta i punti di forza visiva della piattaforma, pubblicando immagini, contenuti video coinvolgenti e discussioni faccia a faccia attraverso frequenti hangout e la chat video in alta definizione gratuita, che offre solo Google+. Sono così in corso moltissime iniziative creative specifiche per il canale: un video al giorno di analisi economica, un podcast serale che riassume le principali notizie del giorno ed un trailer settimanale con le anteprime dei nuovi film.

Estadão utilizza Google Analytics per capire il comportamento dei visitatori ed è evidente che Google+ sta incidendo positivamente sul traffico del portale. Nell’arco di cinque mesi, Analytics ha dimostrato che i visitatori del sito Estadão provenienti dalla pagina Google+ sono aumentati del 540%. Parallelamente, questo traffico ha generato un aumento delle visualizzazioni di pagina del 18%. Attualmente, la pagina Google+ di Estadão ha oltre 500.000 follower.

Volete replicare il successo di questo brand? Leggete informazioni più dettagliate nel case study completo e condividete la vostra esperienza con noi sulla nostra +pagina AdSense.

Scritto da Arlene Lee – Team Inside AdSense


Continua a leggere

Social Fridays: resumen final

Durante las últimas semanas, a través de nuestra serie Social Fridays, te hemos enseñado a crear y utilizar una estrategia de Google+ para tu sitio y tu negocio online. Esperamos que nuestras entradas y el reciente hangout en directo te hayan ayudado a aprender más sobre todo lo que puedes hacer con Google+, y que ahora tengas nuevas ideas para optimizar el rendimiento de tu página de Google+. A continuación te proporcionamos una lista de los temas que hemos tratado, por si quieres releerlos.

Gracias por seguirnos en Social Fridays. Continuaremos publicando actualizaciones de Google+ y consejos para editores aquí y en la página de AdSense en Google+, así que permanece atento. Que pases un buen fin de semana.

Publicado por Arlene Lee – Equipo del blog Dentro de AdSense


Continua a leggere

Social Fridays: monitorate e misurate il rendimento della vostra pagina Google+

Ogni venerdì pubblichiamo suggerimenti su Google+ per aiutare i publisher a sfruttare al meglio tutte le funzioni e le risorse disponibili. Visitateci ogni settimana per non perdere nemmeno un post della nostra serie Venerdì social.

Sappiamo che i publisher adorano le metriche, così dopo aver dato un’occhiata a Google+ Eco la scorsa settimana, oggi vi mostreremo in che modo potete analizzare l’impatto della vostra pagina Google+ con Google Analytics.

Se utilizzate Google Analytics per misurare il traffico verso le vostre pagine e l’interazione con esse, assicuratevi di usare Rapporti sociali per analizzare le vostre iniziative a livello dei social media.
Il rapporto Sorgenti sociali vi indicherà quali sono i social network che attirano traffico sul vostro sito o su di una pagina specifica e vi aiuterà a identificare i contenuti più popolari sulle varie piattaforme. Potete anche confrontare il tempo trascorso sul vostro sito dai visitatori provenienti dalle diverse reti, per scoprire dove viene raggiunta la percentuale più elevata di coinvolgimento.

Accertatevi, inoltre, di consultare il rapporto sulla condivisione sociale, per capire quali dei vostri pulsanti di condivisione sui social media vengono utilizzati e per quali contenuti. Analytics registrerà automaticamente l’attività +1 che ricevete dai visitatori sul vostro sito; è inoltre possibile adattare facilmente gli altri plug-in sociali per inviare dati ad Analytics.

Non mancate di consultare questi rapporti, proprio per capire meglio in che modo le vostre iniziative sociali incidono sul coinvolgimento degli utenti. Avete effettuato aggiornamenti ai contenuti o alla pagina Google+ dopo aver visualizzato questi rapporti? Visitate la nostra pagina Google+ di AdSense per condividere i vostri suggerimenti con altri lettori.

Ora che sapete come configurare e monitorare al meglio il vostro sito con Google+, visitateci la prossima settimana, quando vedremo un caso di successo ed i consigli di un publisher. Buon fine settimana.

Scritto da Arlene Lee – Team Inside AdSense


Continua a leggere

Social Fridays: scoprite come i vostri contenuti sono stati condivisi su Google+

Ogni venerdì pubblichiamo suggerimenti su Google+ per aiutare i publisher a sfruttare al meglio tutte le funzioni e le risorse disponibili. Visitateci ogni settimana per non perdere nemmeno un post della nostra serie “Venerdì Social”.

Da quando abbiamo iniziato, 4 settimane fa, vi abbiamo aiutato: nel posizionamento del pulsante +1 sulle pagine, nella creazione e verifica della pagina Google+, nell’aggiunta del badge Google+ al sito. Fino a questo momento, avete già completato i passaggi più importanti per la configurazione di Google+ e state pubblicando post con regolarità. Tuttavia, avete già conoscenza di come vengono distribuiti i vostri contenuti? Nel post di oggi vi mostreremo come trovare queste informazioni, utilizzando Google+ Eco.

Con la funzione Eco potete vedere come i vostri contenuti pubblicati sono stati ricondivisi nel corso del tempo su Google+ e come li hanno accolti gli utenti. Per provarla, basta scegliere un post pubblicato, e selezionare “Visualizza eco” dal menu a discesa,  che si trova in alto a destra del post. Vedrete una serie di cerchi, ciascuno corrispondente ad un utente che ha ricondiviso i vostri contenuti, e, all’interno del cerchio, le persone che hanno ricondiviso il link, a partire da quella data persona, e via dicendo. I cerchi hanno le dimensioni che, grosso modo, riflettono l’influenza generata dalla quella specifica persona; pertanto, quanto più grande è il cerchio di una persona, tanto maggiori saranno le ricondivisioni generate dalla quella prima ricondivisione originale.

Inoltre, potrete anche vedere chi ha parlato dei vostri contenuti su Google+, anche se non ha ricondiviso il vostro post originale. I cerchi nella pagina Eco, che non sono collegati agli altri cerchi, rappresentano le persone che hanno condiviso i vostri contenuti in modo indipendente. Nella parte inferiore della pagina, potete riprodurre una versione animata della visualizzazione, che mostra come il vostro link è stato condiviso nel corso del tempo. Inoltre, potete vedere un grafico a linee che illustra l’attività sul post.

Con queste informazioni, potete identificare le persone più influenti o i migliori contributori della vostra community che stanno diffondendo i vostri contenuti, che si tratti o meno di ricondivisioni dirette dalla vostra +pagina. Se volete, potete contattare direttamente queste persone per chiedere la loro opinione sui vostri contenuti, o per fare un hangout e parlare direttamente con loro.

Provate Eco e scoprite come alcuni dei vostri contenuti recenti sono stati ricondivisi pubblicamente. Per ulteriori informazioni, guardate questo video:

Avete bisogno di ulteriori rapporti e metriche? Tornate a trovarci venerdì prossimo, quando vi illustreremo gli strumenti di reportistica, che potete utilizzare per monitorare il rendimento della vostra +pagina. Nel frattempo, fateci sapere sulla nostra +pagina dedicata ad AdSense se avete trovato informazioni interessanti su Eco.

Scritto da Arlene Lee – Team Inside AdSense


Continua a leggere